summer-jamboree_logo-bianco
Musica & Ballo

Lindy Hop: origini e curiosità sul ballo swing più famoso

24/11/2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Tabella dei Contenuti

Uno dei balli swing più famosi è il Lindy Hop.

Il Lindy Hop è un ballo swing di origine afro-americana che nasce a New York e si balla in coppia. È molto importante, poiché nei primi decenni del ‘900 diventa un fenomeno trasversale in grado di superare le barriere razziali, unendo il ritmo delle danze africane alle strutture delle danze europee.

Scopriamo origini e curiosità di questo celebre ballo a ritmo di swing.

Cos’è il Lindy Hop

Questa danza swing nasce ad Harlem, celebre quartiere di New York, intorno agli anni ’20. Si tratta di un ballo che negli anni d’oro della musica swing ha rappresentato un fenomeno di massa e ha svolto un ruolo centrale per  l’integrazione  razziale.

Nella celebre e affollatissima sala da ballo del Savoy ad Harlem si ballava tutti insieme al ritmo di swing, senza tener conto delle differenze di razza. Già negli anni ‘40, il Lindy Hop si diffonde e diventa un ballo prevalentemente di coppia, che prevede l’esecuzione di numerose figure che derivano anche da altri balli.

Quali sono le origini del Lindy Hop?

Le origini del Lindy Hop, come detto, sono da ricercare nella comunità afro-americana nel cuore di Harlem, il quartiere multietnico di New York , negli anni Venti e Trenta. Questo ballo appena arrivato si diffonde rapidamente nei decenni successivi.

Si balla in coppia e unisce i movimenti delle danze africane con le strutture delle danze europee. È da considerare come un vero e proprio fenomeno culturale e di integrazione tra bianchi e neri.

Molte sono le cronache circa le affollatissime ballroom americane, dove si esibivano le grandi orchestre swing. La leggenda vuole che il più celebre dei balli swing fu chiamato Lindy Hop grazie al ballerino Shorty George Snowden, in occasione di una maratona di ballo nel corso delle celebrazioni della trasvolata atlantica (1927) di Charles Lindbergh, soprannominato “Lindy“.

Snowden, dopo aver eseguito alcuni passi già noti nelle ballroom di Harlem, disse che stava facendo il Lindy Hop pensando proprio al celebre volo da New York a Parigi del pioniere dell’aviazione degli Stati Uniti.

Il successo del lindy hop arriva con le affollatissime ballroom verso la fine degli anni ‘30, nella Savoy Ballroom di New York. I ragazzi di Harlem ballavano sulle note di Count Basie e Chick Web e l’ex pugile Herbert White, forte di notevoli capacità imprenditoriali, pensò di scegliere i migliori ballerini della pista per formare una compagnia di ballo.

I più talentuosi ballerini del Savoy Ballroom selezionati si preparavano per ballare ai concerti, ma anche per le performance cinematografiche. Nel 1936, i migliori performer si esibirono per 6 mesi al Cotton Club con il nome di Whitey’s Hopping Maniacs, ma poco dopo l’ex pugile imprenditore mise insieme un secondo gruppo, Whitey’s Lindy Hoppers che riuscì a raggiungere anche la popolarità cinematografica con la pellicola hollywoodiana A day at the races del 1937, diretta proprio dal fratello di Herbert, Marx White.

I Whitey’s Lindy Hoppers divennero celebri in tutto il mondo e grazie al loro stile inimitabile e inconfondibile resero celebre  il  lindy hop anche mediante il cinema.

Come si balla il Lindy Hop?

Ma come si balla il Lindy Hop? Il Lindy Hop è sostanzialmente un ballo di coppia, ma ci sono figure che possono anche essere eseguite singolarmente. Sua peculiarità è quella di unire i movimenti improvvisati delle danze africane con le strutture e i tempi delle danze europee.

La coppia è formata da due ballerini,  leader e follower, che cominciano a ballare faccia a faccia, con entrambi i piedi puntati sul centro. Il lindy hop alterna gli 8 tempi ai 6 tempi. Ai primi passi seguono delle

figure che possono essere eseguite anche singolarmente per abbellire la danza.

Passi base per iniziare

Ci sono una serie di passi per cominciare a ballare il lindy hop. Il leader che conduce deve iniziare con un passo dondolante all’indietro (proprio a ritmo di swing), spostando il proprio peso sul piede sinistro. Andrà poi ulteriormente verso l’indietro ruotando sul fianco, ma sposterà anche l’altro piede per ritrovarsi alla posizione di partenza, poi muoverà in avanti ruotando nuovamente su sé stesso di un quarto, così da girarsi verso destra e riunire i piedi.

Farà poi un passo a sinistra, ruotando leggermente verso quella direzione e posizionando il piede destro dietro a quello sinistro e farà perno su entrambi i piedi per ruotare il proprio corpo, poi li riporterà l’uno di fianco all’altro, facendo due ulteriori passi verso destra e ripetendo il processo dal principio.

La partner, o follower, che segue i passi del leader, cercherà di adattarsi andando a compiere i suoi stessi passi, anche se non in modo del tutto speculare. Dopo aver entrambi acquisito il ritmo, tutti e due potranno aggiungere delle variazioni o delle mosse di abbellimento per rendere più accattivante e armoniosa la danza.

Potranno volteggiare durante la rotazione sui piedi o potranno calciare all’indietro con il movimento del rock step.

Passi principali

Nel Lindy hop esistono routine che prevedono dei passi da eseguire da soli denominati step. La struttura del ballo è principalmente in 8 tempi con postura molto bassa, un po’ molleggiata sulle gambe, detto bounce, a cui si affiancano figure  in 6 tempi.

Al back step (1, 2 tempi) segue il triple black (3, 4 tempi), il passo caratteristico del Lindy hop, che sulle musiche più veloci può essere sostituito da un semplice slow step che copre due beat musicali. È importante molleggiare sempre verso il basso, piegandosi principalmente sulle caviglie (bounce).

Figura Lindy Hop

Il Lindy hop include numerose figure, acrobazie ed elementi che derivano dal charleston, dal tip tap, dallo shag e dal cakewalk. Le principali figure dell lindy hop sono lo swing out, il sugar push, Il tandem charleston da cui derivano ulteriori altre variazioni.

Nella coppia ci sono sempre due ruoli: leader, che guida il ballo, decidendo le figure e la loro sequenza, e il follower, che segue le figure interpretandole. La routine o coreografia indica una sequenza predefinita di passi, mentre nelle serate di ballo, definite di social dancing, si balla sempre sull’improvvisazione guidata dal leader ed interpretata dal follower.

Impara anche tu il Lindy Hop! Dai un’occhiata alla nostra Dance Academy. Mantieni viva la tua passione per questi balli o impara da zero, grazie ad insegnanti di fama internazionale.

Musica swing per ballare il Lindy Hop

Il lindy hop si balla sulla musica swing ed è il ballo dei balli: include tutte le contaminazioni e molti passi di altri stili come lo Shag, il Tip Tap, il Balboa. Il lindy hop si identifica con lo swing e il suo ritmo sincopato.

Fra la migliore musica swing per ballare il Lindy Hop ci sono i pezzi suonati dal mito del clarinetto Benny Goodman, ma anche altri brani meno sincopati com Little Brown Jug della Glenn Miller Orchestra e ancora Tuxedo Junction, il classico Come Fly with Me di Frank Sinatra, i pezzi di Count Basie o Dean Martin.

Come vestirsi: outfit da Lindy Hop

Per ballare il Lindy Hop non esiste un outfit particolare, ma chiaramente l’abbigliamento deve essere comodo per consentire facilità di movimento nel modo più agile possibile.

Ricordate poi che il Lindy Hop è un ballo nato tra gli anni Venti e Trenta ed è indicato scegliere un outfit da swing, ricco di materiali e accessori che richiamano il contesto storico. Vediamo qualche consiglio sul perfetto outfit da Lindy Hop.

Abbigliamento Lindy Hop

Creare il perfetto outfit da Lindy Hop per le donne è semplice: si compone di gonne sotto al ginocchio, gonne a tubino purché consentano agilità di movimento. Perfetti anche i pantaloni culotte, i pantaloni palazzo e i pantaloni a vita alta, ma anche vestiti con la vita bassa

Potrete abbinare bluse e camicette comode ma non troppo ampie. Gli accessori ideali sono fasce e turbanti per tenere i capelli in ordine, ma anche acconciature raccolte, è consigliato utilizzare make up waterproof.

Per gli uomini invece, sono perfetti pantaloni e camicia, ma a fare la vera differenza sono le scarpe.

Scarpe da Lindy Hop

Ideali le scarpe  con la suola in cuoio, quelle più gettonate sono le, bicolore stringate, sia derby che oxford. Ideali per la donna un tacco non troppo alto.

Corsi per imparare il Lindy Hop

Ovviamente esistono corsi di diversi livelli  che solitamente si suddividono in livello per principianti, livello intermedio, livello avanzato.

Il livello per principianti insegna le basi, sia  a 8 che e a 6 tempi costruendo le prime figure

Il livello intermedio richiede la coscienza delle figure fondamentali del lindy hop come lo swing out, il lindy circle, il tuck turn, inside turn, outside turn, il change place e il side by side charleston. Si impara a danzare su ritmi sempre più incalzanti lavorando sulla musicalità.

Il livello avanzato consente di approfondire le conoscenze di ballo e la connessione con il proprio partner, lavorando sulla qualità del movimento con varianti di stile e di passi sia per il leader che per lafollower per ballare con personalità e affinare il proprio stile

I più famosi ballerini di Lindy Hop

Chi sono i più celebri ballerini di Lindy Hop? Scopriamolo insieme.

I Lindy Hoppers di I Whitey

I Whitey’s Lindy Hoppers sono un gruppo di ballerini che ha segnato la storia del Lindy Hop: si sono esibiti nelle migliori ballroom di New York, hanno partecipato alle pellicole di Hollywood e sono diventati un punto di riferimento nell’immaginario collettivo.

Frankie Manning

Frankie Manning è stato il più grande ballerino, innovatore e coreografo di Lindy Hop della storia, star del Savoy Ballroom. Inventò uno stile del tutto personale, il Savoy Style, uno stile inconfondibile ricco di  acrobazie e variazioni. Fu anche interprete e coreografo, sue numerose coreografie rese celebri dal grande schermo.

Norma Miller

Norma Miller, nota anche come Queen of Swing, simbolo dello swing di Harlem degli anni ’30, un’icona indiscussa del lindy hop.

Willa Mae Ricker

Willa Mae Ricker è stata un’importante ballerina e performer americana di Lindy Hop e jazz negli anni ’30 e ’40 e ha fatto parte dei Whitey’s Lindy Hoppers di Harlem, popolare anche per la passione per la moda.

Al Minns

Al Minns, è stato un celebre ballerino di Lindy Hop, famoso per le sue interpretazioni cinematografiche e teatrali negli anni ’30 e ’40 insieme alla Lindy Hoppers di Whitey.

Lindy Hop e il legame con il Cinema

Celebre per la sua spettacolarità, il Lindy Hop ha sempre avuto un legame speciale con il cinema,  Negli anni ’30 o ’40 sono molte  le pellicole  arricchite da scene di ballo.

Altalena per bambini

Swing Kids è una pellicola del 1993 ambientata negli anni ‘30 della Germania nazista: parla di un gruppo di giovani tedeschi ribelli appassionati di musica swing che ascoltano i dischi di Benny Goodman, Count Basie e Django Reinhardt e vanno a ballare di nascosto. Lo swing diventa simbolo di ribellione.

Hellzapoppin

La più celebre scena di Lindy Hop è quella del film Hellzapoppin del 1941 ed è stata eseguita dai Whitey’s Lindy Hoppers, la compagnia di ballo nata al Savoy.

La scena si apre sui musicisti Slim Gaillard e Slam Stewart vestiti da fattorini, che cominciano a suonare degli strumenti musicali trovati nel backstage di un teatro, poi altri operai si uniscono alla jam e quando la musica prende forma arrivano i Whitey’s Lindy Hoppers in abiti da lavoro e comincino a ballare sulle note una coreografia firmata da Frankie Manning, icona del Lindy Hop.

Malcolm X

In Malcolm X, pellicola del 1992 diretta da Spike Lee, Denzel Washington interpreta  il celebre attivista afroamericano. Una delle scene è ambientata in una delle grandi Ballroom di Harlem dell’epoca, dove l’attore, che interpreta Lionel Hampton, fa scatenare in pista dei ballerini sulle note di Flying Home. In scena è presente anche il celebre  Frankie Manning, che ha curato lo stile.

Conclusioni

I balli come il Lindy Hop sono attuali più che mai grazie al Summer Jamboree,  il Festival Internazionale di musica e cultura dell’America anni ‘40 e ‘50, e alla sua Dance Academy.

Se anche tu vuoi imparare le danze “vintage style” dai un’occhiata alla nostra Dance Academy. Mantieni viva la tua passione per questi balli o impara da zero grazie ad insegnanti di fama internazionale.

Newsletter

Rimani aggiornato

Iscriviti alla newsletter del Summer Jamboree per scoprire in anticipo tutte le nostre novità!

newsletter